Sei un badante con esperienza lavorativa e referenze verificabili? Trova lavoro con Badacare.
Assistenza anziani badante Caregiver Normative e Leggi

Green Pass Badante: come funziona e chi controlla

Green Pass Badante: come funziona e chi controlla

“Il Green Pass badante” diventa argomento scottante da qui al 15 Ottobre, deadline in cui sarà obbligatorio averlo anche per i lavoratori autonomi.

Quindi, anche la categoria dei badanti dovrà possedere il Green Pass per poter lavorare.

L’argomento suscita molta incertezza per le condizioni sociali in cui versa la categoria dei badanti e per la presa di responsabilità delle famiglie in quanto datrici di lavoro.

Leggi anche: Trovare il badante con il passaparola, non fatelo!

Green Pass Badante

Leggi anche: Assistenza domiciliare, l’alimentazione dell’anziano

Obbligo del governo al Green Pass badante

La decisione è stata presa dal Governo il quale considera il Green Pass lo strumento ideale per contrastare la diffusione del Virus Covid-19.

Quindi, il Green Pass per la badante è indispensabile per poter svolgere il proprio lavoro.

I lavoratori che si recheranno ugualmente a lavoro anche se sprovvisti di Green Pass riceveranno anch’essi sanzioni molto salate.

Leggi anche: Badante, definizione e ruolo nel passato e oggi 

Chi controlla le badanti per il Green Pass?

Il controllo del green pass delle badanti spetta al datore di lavoro. Sarà infatti suo dovere controllare il possesso della certificazione verde prima che il lavoratore acceda al luogo di lavoro. Lo stesso Governo ha previsto delle multe da 400 a 1000 euro per i datori di lavoro che non verificheranno il possesso del certificato.

Come verificare il Green Pass della colf?

Affinché sia possibile verificare il possesso e la validità del certificato, è stata ideata l’applicazione mobile “VERIFICA C19” scaricabile da tutti gli App Store.

Il link per il download: https://play.google.com/store/apps/details?id=it.ministerodellasalute.verificaC19&hl=en&gl=US

Infatti, basterà una connessione internet e il possesso di uno smartphone per poter verificare l’idoneità del badante a poter lavorare.

Ad oggi, si stima che circa 1/3 di 2 milioni di collaboratori domestici non sia in possesso di Green Pass.

Questi numeri sono molto preoccupanti, soprattutto, se consideriamo il ruolo del badante di assistere persone fragili e ad alto rischio di serie complicanze in caso di contagio da Covid-19.

Leggi anche: Governante o badante? Le differenze per scegliere

Cosa fare se la colf non ha il Green Pass?

Se il badante è sprovvisto del green pass è importante che non acceda al luogo di lavoro. Questo divieto si estende ovviamente anche ai badanti conviventi, ossia a chi dimora nell’abitazione del datore di lavoro. Infatti i badanti conviventi senza green pass sono obbligati a lasciare immediatamente il luogo in cui vivono per stare vicino al loro assistito.

Badacare vi aiuta nel trovare assistenti con Green Pass

Se per le famiglie rappresenta un onere e molta responsabilità assicurarsi che il badante abbia il Green Pass, Badacare agevola il ruolo della famiglia controllando per lei che i collaboratori domestici siano in possesso del certificato.

Infatti, da una recente dichiarazione Governativa, si evince come sia obbligatorio per i badanti disporre del certificato per poter lavorare.

Infatti, tutti gli assistenti familiari che Badacare presenta alle famiglie, sono stati sottoposti a vaccino e sono in possesso di Green Pass.

Se stai cercando un badante in possesso di Green Pass e affidabile:

Contattaci gratuitamente

oppure chiamaci al 327 7783541

Stefano Pepe | Fondatore di Badacare

Leggi anche: La badante deve parlare italiano, ecco le 3 ragioni