Sei un badante con esperienza lavorativa e referenze verificabili? Trova lavoro con Badacare.

Blog

Assistenza anziani badante

Comprendere i Bisogni e la Necessità di Assistenza Domiciliare negli Anziani

Comprendere i Bisogni e la Necessità di Assistenza Domiciliare negli Anziani

Introduzione

Ammettere il bisogno di un’assistenza non è affatto facile per le persone che invecchiano, così come accettarlo e comunicarlo ai propri cari. Quindi, come poter capire  quando il vostro genitore anziano ha bisogno di un aiuto? Una cosa è certa: è improbabile che siano mamma e papà a dirvelo!

Gli anziani hanno un forte desiderio di rimanere indipendenti e mantenere il controllo della propria vita il più a lungo possibile. In genere, un anziano minimizza o nasconde i problemi che ha avuto fino a quando un incidente o un improvviso declino del proprio stato di salute rende evidente il bisogno di assistenza. Questo accade perché l’invecchiamento e le sue conseguenze non vengono sempre accettate, e perché nasce il senso di colpa e di rabbia all’idea di diventare un peso per i propri cari.

Un modo per evitare di essere colti alla sprovvista è quello di capire i bisogni e le necessità di un anziano monitorando la sua vita su diversi fronti, e ricercare opzioni di assistenza pratiche e valide a lungo termine.

Badacare offre un servizio di assistenza domiciliare in grado di soddisfare tutte le esigenze del vostro caro, senza che rinunci alla cosa per lui più importante, la propria casa e i propri spazi. L’assistenza domiciliare da parte di una badante professionista è infatti una soluzione pratica e affidabile al fine di gestire il vostro caro a 360°.

Al fine di compiere le scelte giuste, è importante però conoscere i bisogni di cura e di supporto degli anziani ed è ciò che tratteremo in questo articolo.

Numerose ricerche sono state effettuate sul tema e hanno coinvolto un numero enorme di anziani da ogni parte del mondo. Riporteremo i risultati in tre categorie principali:

  • Equilibrio psico-fisico;
  • Attività e socialità;
  • Fattori ambientali.

Equilibrio psico-fisico

Questa categoria descrive i problemi fisici e mentali affrontati dagli anziani che sono stati analizzati e descritti dagli studi presenti in letteratura medico-scientifica.

Funzioni fisiche

Negli studi analizzati sono state riportate diverse menomazioni fisiche che affliggono gli anziani più o meno frequentemente a seconda del quadro clinico. Nello specifico, le problematiche fisiche maggiormente riscontrabili sono:

  • Dolore di diversa origine e natura;
  • Affanno;
  • Disturbi della vista e dell’udito;
  • Affaticamento;
  • Incontinenza urinaria;
  • Dispepsia e altri disturbi digestivi.

Per esempio, si è visto che la presenza e la persistenza di problemi visivi è in grado di esacerbare le difficoltà esistenti nella gestione della demenza e di porre vincoli significativi nella vita sociale degli anziani.

Inoltre, è bene tenere a mente i sintomi del morbo di Parkinson: il tremore persistente del corpo è il sintomo più comune della malattia negli anziani. Anche la lentezza dei movimenti e la rigidità muscolare sono indicatori, così come i crampi alle mani, le espressioni facciali congelate, il modo di parlare ovattato e la depressione.

Funzioni mentali

Diversi studi hanno riportato come l’incertezza sul futuro sia in grado di scatenare emozioni negative come la perdita di fiducia nelle proprie capacità e ansia nella quasi totalità degli anziani. Alcuni sintomi specifici, come le allucinazioni visive e la difficoltà nel respiro in caso di sforzi anche lievi (dispnea da sforzo) sono responsabili di stati ansiosi cronici, crisi di panico, paura e preoccupazione. Le stesse emozioni derivano anche dalla perdita dell’indipendenza e dal diventare un peso per i propri familiari.

Queste sensazioni spiacevoli risultano addirittura amplificate in caso di condizioni mediche a prognosi infausta come demenza senile, insufficienza cardiaca, cancro, BPCO avanzata e Parkinson.

La depressione è inoltre una condizione molto diffusa negli anziani, e compromette la qualità della vita accelerando il processo di declino psicofisico e intaccando la salute mentale.

Attività e partecipazione

Questa categoria descrive le difficoltà affrontate dagli anziani nello svolgimento delle attività relative alla cura di sé, alla vita domestica, alla mobilità, così come i problemi riscontrati nella vita sociale e comunitaria.

La cura personale racchiude azioni semplici ed elementari come lavarsi, vestirsi e alimentarsi, mentre la vita domestica comprende compiti come la pulizia e la gestione generale della casa.

Cura personale e vita domestica

Molto spesso gli anziani presentano difficoltà nello svolgere azioni finalizzate alla cura personale. Le ricerche identificano come più frequenti azioni quali il lavarsi, vestirsi e l’andare in bagno.

Gli anziani con difficoltà respiratorie, per esempio, riferiscono di avere problemi nel lavarsi a causa del vapore, o della difficoltà a stare in piedi. Allo stesso modo, gli anziani con demenza riferiscono spesso di avere problemi con il vestirsi, il lavarsi e la continenza urinaria e fecale fin dalle prime fasi della malattia.

Relativamente alle attività della vita domestica, la difficoltà di badare alla casa è comunemente menzionata dagli anziani, seguita dal fare la spesa e dalla preparazione dei pasti. Per esempio, gli anziani con degenerazione maculare riferiscono come le loro capacità di tagliare le verdure e di cucinare siano state influenzate dalla perdita della vista.

Mobilità

È noto ed evidente come moltissimi anziani abbiano problemi di mobilità. Nello specifico, le problematiche più frequentemente riscontrabili includono la difficoltà nel camminare, nel cambiare la posizione del corpo, nel sollevare, stringere e tenere oggetti e nell’uso efficace delle mani e delle braccia.

L’incapacità nel cambiare e mantenere posizioni come l’inginocchiarsi, il piegarsi e lo stare in piedi influenza le capacità di svolgere attività domestiche come cucinare, pulire e ordinare la casa e fare acquisti nei negozi o al supermercato. Allo stesso modo, i problemi nell’utilizzare le braccia influenzano compiti come il sollevare gli oggetti e vestirsi.

Difficoltà nel camminare sono comunemente riportate anche dagli anziani con fragilità osteomuscolare, fratture del femore e dell’anca, e fasi avanzate della malattia di Parkinson.

Interazioni interpersonali e vita sociale

L’isolamento sociale e la sensazione di solitudine sono due elementi caratteristici della vita di moltissimi anziani.

Menomazioni fisiche come la fragilità muscolare, la mancanza di indipendenza o la malattia riducono la capacità di sostenere relazioni sociali soddisfacenti, e quindi contribuiscono all’isolamento sociale del singolo.

Molti anziani sono incapaci di riconoscere le persone e/o di impegnarsi in interazioni sociali, in particolare nelle interazioni di gruppo, a causa della perdita della vista o dell’udito. Gli acciacchi limitano anche la possibilità di godere di hobby e attività ricreative.

Alcuni anziani, di conseguenza, diventano dipendenti dalle interazioni quotidiane con i loro parenti stretti, e in assenza di queste interazioni sociali si sviluppano velocemente la noia e l’isolamento. La stessa perdita di parenti o di amici contribuisce ai sentimenti di solitudine e isolamento sociale.

Lo stato di salute precario, la minore tolleranza allo stress, e la mancanza di un supporto nell’ambiente di lavoro sono gli elementi che spesso costringono un anziano a lasciare precocemente il lavoro come dipendente o da libero professionista. La perdita del lavoro e della routine in molti casi contribuisce al senso di solitudine, alla depressione e all’isolamento.

Gestire la propria salute fisica e mentale

Nonostante le difficoltà psicologiche, fisiche e sociali, molti anziani usano e implementano strategie per autogestire le loro condizioni e far fronte alle limitazioni percepite giornalmente. Cambiare atteggiamento verso la vita ed essere positivi, distrarsi mentalmente e occupare il tempo con attività, spiritualità, e umorismo sono altri elementi cruciali nell’alleggerire la vecchiaia.

Mantenersi fisicamente attivi e controllare la dieta, stabilire una routine quotidiana, interagire quotidianamente con qualcuno, avere un supporto nella mobilità sono elementi che possono incrementare la qualità di vita di ogni anziano.

Purtroppo, ciò non sempre avviene ma è questo il passaggio chiave in cui diventa fondamentale il supporto da parte di una figura professionale specializzata che descriveremo tra poco.

Fattori ambientali

Quest’ultima categoria discute i fattori sociali e professionali che possono agire sia come facilitatori che come barriere nella vita di ogni anziano.

Famiglia ed amici

L’importanza del sostegno fornito dalla famiglia e dagli amici è stata dimostrata in diversi studi, grazie all’assistenza nelle attività quotidiane e all’offerta di compagnia.

Numerosi questionari hanno riscontrato sentimenti di felicità, gioia e piacere da parte degli anziani che interagiscono regolarmente con la famiglia e gli amici.

Assistenza da parte di professionisti

Le interazioni con i professionisti della sanità e dell’assistenza sociale sono una fonte di conforto e un validissimo aiuto per tutti gli anziani, soprattutto per quelli meno autosufficienti. Alcune ricerche hanno dimostrato come avere sempre lo stesso assistente giovi maggiormente agli assistiti, soprattutto in caso di demenza.

Tuttavia, molto spesso nasce l’insoddisfazione da parte degli anziani a causa della perdita dei punti di riferimento domestici e dell’asetticità caratteristiche delle case di riposo o di altre strutture sanitarie.

Non sempre, inoltre, l’assistente che segue un anziano è lo stesso nel corso del tempo e non è sempre facile e scontato adattarsi ad un nuovo ambiente così diverso da quello domestico.

La soluzione Badacare

L’assistenza domiciliare offerta da Badacare permette di rispondere ai bisogni e alle necessità sopra descritte direttamente a casa del tuo caro e da parte di più di 4000 badanti e assistenti familiari con esperienza lavorativa e referenze verificate.

Invece che optare per il trasferimento in una casa di riposo, con Badacare gli anziani vengono assistiti e possono continuare a vivere dove si sentono più felici e comodi, ovvero nella loro casa.

I nostri servizi di assistenza domiciliare per gli anziani rendono la vita quotidiana del tuo caro più confortevole e piacevole, permettendo agli anziani di trascorrere gli ultimi anni di vita nel comfort di casa. Inoltre, in tal modo verranno facilitate le interazioni tra il vostro caro e il resto della famiglia.

In quanto una delle agenzie di assistenza domiciliare più affidabili del paese, rendiamo possibile l’assistenza agli anziani e il supporto alle famiglie in tutta Italia. In tal modo permettiamo alle famiglie un risparmio rispetto alle soluzioni tradizionali e la gestione da parte di un’equipe di professionisti.

Sul sito Badacare è possibile richiedere un assistente familiare in maniera personalizzata, selezionato in base a diversi parametri, come le mansioni richieste o esigenze specifiche.

Sulla base dei requisiti, Badacare elaborerà una lista di badanti e assistenti familiare nella tua zona, di cui potrai visionare il curriculum e le esperienze lavorative pregresse, e con cui successivamente ti metterà in contatto.

L’assistenza domiciliare è a portata di click!

References

  • Lawrence V, Murray J, Banerjee S. “Out of sight, out of mind”: a qualitative study of visual impairment and dementia from three perspectives. Int Psychogeriatr. 2009;21(3):511–8.
  • Walthall H, Jenkinson C, Boulton M. Living with breathlessness in chronic heart failure: a qualitative study. J Clin Nurs. 2017;26(13–14):2036–44.
  • Gott M, et al. Older people’s views of a good death in heart failure: implications for palliative care provision. Soc Sci Med. 2008;67(7):1113–21.
  • Nicholson C, et al. Living on the margin: understanding the experience of living and dying with frailty in old age. Soc Sci Med. 2012;75(8):1426–32.
  • Gysels MH, Higginson IJ. The lived experience of breathlessness and its implications for care: a qualitative comparison in cancer, COPD, heart failure and MND. BMC palliative care. 2011;10(1):15.
  • Thurston M, Thurston A, McLeod J. Socio-emotional effects of the transition from sight to blindness. Br J Vis Impair. 2010;28(2):90–112.
  • Griffiths F, et al. Evaluating recovery following hip fracture: a qualitative interview study of what is important to patients. BMJ Open. 2015;5(1):e005406.
  • Godfrey M, Townsend J. Older people in transition from illness to health: trajectories of recovery. Qual Health Res. 2008;18(7):939–51.
  • Toms GR, et al. Help yourself: perspectives on self-management from people with dementia and their caregivers. Qual Health Res. 2015;25(1):87–98.
  • Gardiner C, et al. Living with advanced chronic obstructive pulmonary disease: patients concerns regarding death and dying. Palliat Med. 2009;23(8):691–7.
  • Nicholson C, et al. The experience of living at home with frailty in old age: a psychosocial qualitative study. Int J Nurs Stud. 2013;50(9):1172–9.
  • Ream E, et al. Supportive care needs of men living with prostate cancer in England: a survey. Br J Cancer. 2008;98(12):1903.
  • Godfrey M, Townsend J. Older people in transition from illness to health: trajectories of recovery. Qual Health Res. 2008;18(7):939–51.
  • Sørbye LW, et al. Urinary incontinence and use of pads–clinical features and need for help in home care at 11 sites in Europe. Scand J Caring Sci. 2009;23(1):33–44.
  • Stanford P, et al. Psychosocial adjustment in age related macular degeneration. Br J Vis Impair. 2009;27(2):129–46.
  • Nicholson C, et al. Living on the margin: understanding the experience of living and dying with frailty in old age. Soc Sci Med. 2012;75(8):1426–32.
  • Nyman SR, Innes A, Heward M. Social care and support needs of community-dwelling people with dementia and concurrent visual impairment. Aging Ment Health. 2017;21(9):961–7.
  • Greenhalgh T, et al. What matters to older people with assisted living needs? A phenomenological analysis of the use and non-use of telehealth and telecare. Soc Sci Med. 2013;93:86–94.
  • Nio Ong B, Jinks C, Morden A. The hard work of self-management: living with chronic knee pain. Int J Qual Stud Health Well Being. 2011;6(3):7035.
  • Centre for Ageing Better: Later life in 2015: an analysis of the views and experiences of people aged 50 and over. 2015. London.
  • Abdi, S., Spann, A., Borilovic, J. et al. Understanding the care and support needs of older people: a scoping review and categorisation using the WHO international classification of functioning, disability and health framework (ICF). BMC Geriatr 19, 195 (2019).

Write a Comment

Recensioni

Federica Rossi
Federica Rossi
13/07/2021
Ho contattato Badacare per mio suocero e sono stata subito accolta con molta gentilezza e conoscenza della materia. Ho passato poi il contatto a mio marito che ha confermato la veridicità delle mie affermazioni. Abbiamo avuto il piacere di parlare con entrambe le dipendenti dell'azienda riscontrando, sia in Laura che in Noemi, una forte capacità di dialogo, preparazione e competenza. Abbiamo sentito tante agenzie, ma non ci siamo mai sentiti "a casa" come con loro.
Stefano
Stefano
19/06/2021
Servizio di qualità ed economico. Grazie molte ad avere risposto in modo efficace ed efficiente ai miei problemi.
GIUSEPPA SANTORO
GIUSEPPA SANTORO
18/06/2021
Cercavo una badante per mia madre di 89 anni con morbo di Alzheimer. Badacare mi ha fornito ottime badanti esperte e affidabili. Grazie!!!
Mattoz Bra
Mattoz Bra
17/06/2021
Badacare è una realtà di cui apprezzo le politiche sull’assistenza alle persone fragili e non autosufficienti.
Valter Tomasini
Valter Tomasini
16/06/2021
Mia moglie Gloria Stella ha lavorato come badante grazie a questa Agenzia presso una famiglia. Devo dire che è stata soddisfatta sia per la serietà e gentilezza dell'agenzia ed anche da parte della famiglia servita.
Raul Layedra
Raul Layedra
15/06/2021
Salve a tutti sono un badante e ringrazio a bada are e una salvezza per il lavoratore sia per le famiglie che ano bisogno molto eficiente professionale ! Grazie badacare 💪🙏
Marina Sibilla
Marina Sibilla
15/06/2021
,titolare molto professionale
Miriam Castelli
Miriam Castelli
11/06/2021
Ho chiesto informazioni per mia nonna, sono stata accolta ed ascoltata come non é mai capitato prima. Personale qualificato e molto preparato. La signora Laura ha la capacità di immedesimarsi nella situazione con molto tatto. Consigliatissima.
banner-service