Badanti e Coronavirus: La Guida Delle Regole Da Seguire

Badante con Assistito

Badanti e Coronavirus? Noi di badacare.com abbiamo raccolto le principali informazioni indispensabili per gestire il rapporto di lavoro di una figura così importante all’interno della nostra società: la badante o assistente familiare.

In questi giorni, dovuti all’epidemia, riconosciamo l’importanza del ruolo della badante, soprattutto perchè in costante contatto con la fragilità del nostro paese, anziani e disabili.

Quindi, per agevolare, come detto, la gestione alle famiglie e la gestione, per le badanti, del proprio lavoro, abbiamo preparato la seguente lista di regole e indicazioni per entrambi i soggetti.

Badanti e Coronavirus

Badanti e Coronavirus: Come Gestire Il Rapporto Di Lavoro

  • L’attività lavorativa non si ferma, sia nel caso del lavoro ad ore sia nel caso del lavoro continuato.
  • Oggi, nella condizione in cui viviamo, i familiari stessi possono badare i propri cari assistiti, quindi è possibile per le famiglie ridurre le ore di lavoro alla badante.
  • Se la badante insiste nel volere proseguire la propria attività lavorativa, attraverso accordo scritto, la famiglia e la badante possono accordarsi di recuperare le ore non lavorate in futuro.
  • In alternativa, per garantire alla badante una remunerazione, si può chiedere alla badante di mettersi in ferie. Le ferie, se non accumulate, possono essere anticipate.
  • Per questa categoria di lavoro non esistono i permessi, a meno che questi siano non retribuiti. Scelta, ovviamente, a discrezione della badante.
  • Si può licenziare la badante? Sì, in questo modo la badante può ricorrere alla NASPI. Invitiamo le famiglie di considerare questa opzione per ultima. Le famiglie che prendono in considerazione questa scelta, devono tenere a mente il periodo di preavviso della durata di 15 giorni. Il licenziamento prevede il versamento della liquidazione.
  • Nel caso la famiglia non voglia ricorrere al licenziamento, può considerare l’anticipo di quote del TFR, scelta che rimane tra le opzioni possibili.   Regole Di Comportamento di Famiglie e Badanti
  • Le famiglie che non usufruiscono del lavoro delle badanti, ma che continuino a pagare loro lo stipendio, non hanno diritto al rimborso a causa dell’emergenza.
  • I contributi dovuti alla badante, fino al 31 Maggio, sono posticipati al mese di Giugno.
  • Le badanti non sono state incluse tra le categorie ammesse per la cassa integrazione. Nel caso le badanti dovessero perdere il posto di lavoro, possono ricorrere al Fondo Di Ultima Istanza.

Regole Di Comportamento di Famiglie e Badanti

  • Se la badante è convivente e, quindi, vive insieme all’assistito, può uscire di casa a propria discrezione, ovviamente, nei limiti e nel rispetto del decreto. La famiglia, in questo caso, non può fare nulla per impedire la libertà della badante.
  • La badante ha la possibilità di fare la spesa per l’assistito.  Occorre, però, che la badante porti con se l’autocertificazione in cui dichiara le motivazioni e le generalità dell’assistito.
  • E’ vivamente consigliato, a entrambi i soggetti, di indossare le protezioni, mascherina e guanti, durante il rapporto di assistenza.

Regolarizzazione Del Lavoro Domestico

Lavoro domestico irregolare delle badanti e Coronavirus, sono due situazioni molto ostiche nella gestione.

Infatti, secondo le disposizioni, per le badanti, per uscire di casa serve l’autocertificazione in cui si indicano le generalità del datore di lavoro.

Quindi, chi ha un lavoratore irregolare corre un grosso rischio.

Incoraggiamo, per questo e per motivi di rispetto della legge, a regolarizzare i propri collaboratori domestici.

Lo staff di badacare.com

Hai bisogno di mettere in regola il tuo collaboratore domestico?

Badanti e Coronavirus: La Guida Delle Regole Da Seguire