Sei un badante con esperienza lavorativa e referenze verificabili? Trova lavoro con Badacare.
Normative e Leggi

Assunzione lavoratore domestico: come formalizzarla

Assunzione lavoratore domestico: come formalizzarla

Il 29 gennaio 2009, l’INPS ha stipulato una normativa secondo cui l’assunzione di una colf deve essere comunicata entro le 24 ore dal giorno precedente a quello in cui è stato stipulato il contratto di lavoro. 

Tale comunicazione avviene esclusivamente in modo telematico e può essere inoltrata sia attraverso i servizi messi a disposizione sul web, sia mediante il Contact Center Multicanale o i servizi (come i consulenti del lavoro) offerti agli intermediari dell’Istituto. 

Quello che è importante sottolineare è che nel mettere per iscritto tale dichiarazione ci sono diversi punti che è fondamentale specificare: vediamoli insieme.

Contratto colf INPS: cosa specificare

Per formalizzare l’assunzione di una colf, l’INPS prevede che debbano essere specificati i seguenti punti:

  1. Assunzione colf e badanti: sebbene i ruoli di queste due figure spesso arrivino a combaciare, quando si esegue l’assunzione di un domestico è d’obbligo specificare se si tratta di una colf o di una badante. Nel caso in cui si è certi che il lavoratore non debba svolgere mansioni di assistenza, allora è bene indicare “colf”. In caso contrario, si può segnare “badante”
  1. Datore di lavoro: Se ad assumere una colf o una badante è una persona diversa da quella che verrà assistita, allora nel contratto del badante l’INPS chiederà di indicare sia l’indirizzo di residenza del datore di lavoro sia l’indirizzo dell’assistito con anche il suo nome e cognome. Nel caso in cui il lavoratore venga assunto nella formula di badante convivente, allora si dovrà specificare anche che l’assistente gode del servizio di vitto e alloggio e che vive insieme all’assistito.
  1. Documenti personali: quando si stipula il contratto INPS di assunzione colf bisogna essere certi che i documenti personali (come la carta d’identità o il passaporto) del datore e del lavoratore non siano scaduti. Nel caso in cui l’assistente sia straniero, bisogna controllare anche che questo sia in possesso di codice fiscale, documento d’identità e permesso di soggiorno validi. 
  1. Tipologia di contratto: per chi esegue l’assunzione di un badante, l’INPS richiede di specificare se si tratta di un contratto a tempo determinato o indeterminato. Nel caso in cui si stia assumendo un badante a tempo determinato come temporanea sostituzione di un badante già assunto, allora nel contratto bisogna specificare che l’assunzione è a “tempo determinato per sostituzione”
  1. Orario: Nell’indicare le ore lavorative di una badante, l’INPS prevede che possano essere indicate solo ore intere. Questo significa che se con il lavoratore si è concordato un lavoro di 10,5 ore, sul contratto dovranno essere segnate 11 ore.
  1. Tipologia di retribuzione: nel contratto bisogna specificare se lo stipendio del badante (link a /stipendio-badante/) viene pagato a ore o mensilmente. Per gli assistenti familiari non conviventi generalmente va segnata l’opzione “retribuzione oraria”, mentre per quelli conviventi si può indicare “retribuzione mensile”.
    Nel caso in cui nella paga (oraria o mensile) siano già compresi il tfr, le ferie e la 13esima, nel contratto bisogna ricordarsi di comunicare l’importo pattuito senza alcun rateo.
    Inoltre, se la badante assunta è convivente, nella comunicazione di assunzione colf lo stipendio che va indicato corrisponde alla somma della paga mensile e della quota di vitto e alloggio. 

Comunicazione assunzione colf: informazioni conclusive

Per concludere questo articolo relativo alla modalità di formalizzazione di assunzioni badanti stabilita da INPS, ricordiamo anche che la comunicazione di assunzione di una lavoratrice domestica deve obbligatoriamente essere eseguita anche nei seguenti casi:

  • periodo lavorativo di prova
  • lavoro saltuario o discontinuo
  • badante già assicurata presso un altro datore o un’altra attività
  • badante straniera
  • badante titolare di pensione

Infine, ricordiamo che il contratto INPS di assunzione badante deve sempre essere redatto in duplice copia e sottoscritto da entrambe le parti interessate.