Anziani: la colonna portante della società

Con la parola anziani si identificano coloro che sono in là con gli anni.

Ma la soglia degli anni che definisce l’anziano varia a seconda del periodo e del luogo della terra in cui si vive.

In Italia nel decennio tra il 1950 e il 1960 la speranza di vita media non superava per gli uomini i 64 anni di età e per le donne i 67 anni.

Ad oggi possiamo affermare che l’aspettativa di vita si è decisamente allungata, supera gli 80 anni sia per gli uomini che per le donne.

Sicuramente possiamo dire che è variata la lunghezza dell’età senile che si è estesa per un periodo più lungo.

Ma certamente una cosa non è cambiata: il significato di saggezza che la parola anziano porta con sé.

anziani in compagnia

Anziani e psicologia

Troppo spesso il periodo della terza età viene identificato come un tempo di decadenza e di grande tristezza.

La senilità viene spesso erroneamente identificata come una malattia da trattare con farmaci.

Indubbiamente, tutte le esperienze di vita vissute dall’anziano costituiscono un grande bagaglio di saggezza che va custodito.

E’ fondamentale che l’anziano mantenga e accresca le relazioni personali e che si dia la giusta importanza all’aspetto psicologico.

Certamente, il benessere emotivo-emozionale rappresenta una ninfa vitale per l’età senile.

Per questo,l’analisi della psicologia dell’anziano deve essere vista come uno strumento capace di migliorare qualsiasi atto di cura.

Un anziano che si sente compreso sarà più disposto ad accettare le cure farmacologiche o ad accettare una badante che lo aiuti.

Cerchi una badante qualificata?

Contattaci Gratuitamente

Spesso, con l’arrivo della senilità, si verifica una lenta progressiva erosione nell’animo dei nostri anziani.

Inevitabilmente, è possibile riscontrare in molti anziani, la presenza di un umore negativo che li accompagna nelle giornate sempre uguali.

Altresì, possono verificarsi anche altri eventi che possono incidere sulla qualità della vita in negativo:

  • un lutto importante
  • la pensione che determina l’incertezza di un ruolo preciso nella società
  • difficoltà economiche
  • possibile riduzione delle forze fisiche

Probabilmente, questi eventi scaturiscono reazioni emotive  nell’animo degli anziani, come l’angoscia, la paura, il sentirsi soli, la depressione.

Sebbene la presenza di queste sensazioni renda la vita un fardello pesante, è importante reagire e impegnarsi in relazioni nuove apportanti il benessere della persona.

Indubbiamente, la psicologia deve essere a servizio della persona, deve occuparsi di dare la giusta rilevanza all’anziano favorendo le relazioni e la vita nella società.

Le scienze psicologiche agiscono in modo positivo sulla qualità della vita e sulla salute dell’anziano.

Anziano ed isolamento

Indubbiamente, una conseguenza della poca attenzione per l’aspetto psicologico nella terza età è l’isolamento dell’anziano.

Spesso, gli anziani si sentono isolati perché nella realtà quotidiana vivono da soli, oppure perché pur non vivendo da soli, sono privi di relazioni sociali.

Certamente, vivere in condizione di isolamento porta come conseguenza la depressione.

Tuttavia, possiamo notare che in contesti in cui gli anziani hanno relazioni sociali soddisfacenti, gli stessi invecchiano meglio e sono più felici.

Analizziamo insieme una serie di cause che possono causare l’isolamento degli anziani:

  • perdita del coniuge
  • indole caratteriale
  • basso livello di istruzione
  • malattie geriatriche
  • perdita del proprio ruolo nella società

Sebbene la televisione possa essere vista come una compagnia, a volte quella stessa compagnia diventa prigionia.

Molti anziani trascorrono le loro giornate davanti a uno schermo freddo, padrone delle chiavi della solitudine.

E allora è possibile combattere la solitudine?

Certamente si, è fondamentale cercare di coltivare le relazioni con le persone oppure un hobby.

anziani che passeggiano

Vediamo qualche piccolo consiglio contro la solitudine:

  • cercare nuove amicizie
  • uscire di casa per fare una passeggiata
  • fare attività di volontariato
  • iscriversi a quel corso che si è sempre rinviato

Insomma, il segreto è cercare di rimanere attivi e sentirsi felici, godendo delle gioie di ogni giorno.

Leggi anche l’articolo:  Assistenza domiciliare, definizione e come sceglierla

Impatto positivo che gli anziani hanno sulla società

Come abbiamo già detto gli anziani rappresentano la saggezza.

Quella saggezza che è il seme del nostro futuro.

Immaginate un anziano con intorno i propri nipoti a cui racconta storie.

Ecco quella storia è la fonte che disseta, dà nutrimento e forma la futura società.

Sempre di più negli ultimi anni gli anziani hanno un ruolo positivo nella società: quello di crescere i nipoti.

Già nei tempi dei nostri avi, quando con l’età avanzata gli anziani non potevano dedicarsi alla caccia o all’attività di coltivazione si prendevano cura della prole dell’insediamento.

Certamente oggi non si caccia più.

Ma i ritmi del mondo moderno, globalizzato e turbo capitalista portano i genitori a non essere presenti per molte ore della giornata.

E chi guarda i figli?

Ovviamente i nonni.

Indubbiamente molti anziani moderni rappresentano un punto di riferimento importante non solo per i figli ma anche per la società.

L’anziano è un patrimonio da tutelare ricco di saggezza da trasmettere e di valori che insegna.

Rappresenta ciò che siamo e quello che saremo.

Lo staff di badacare.com

Anziani: la colonna portante della società