Meglio la Badante o la Casa di Riposo?

badante o casa di riposo

Sei indeciso tra badante o casa di riposo?

Non preoccuparti, abbiamo preparato questo articolo per darti tutte le risposte.

Con l’arrivo della terza età, molte famiglie si possono trovare di fronte ad una grande difficoltà.

Devono prendere atto che il proprio caro (genitore, nonno, congiunto) possa avere un peggioramento delle sue condizioni psico-fisiche (problemi visivi, di udito, difficoltà nei movimenti, perdita parziale o totale di lucidità ecc…).

Conseguentemente, l’anziano non è più idoneo a gestirsi in autonomia e quindi deve essere aiutato nella sua quotidianità.

La grande domanda: badante o casa di riposo?

Acquisita la consapevolezza della difficile situazione, segue poi la domanda dei familiari, che si trovano a dover affrontare il problema: “E’ meglio la badante o la casa di riposo?”

Indubbiamente, è una scelta importante, dolorosa, che avrà ripercussioni sulla qualità della vita di un proprio caro, non solo nel presente, ma anche nel futuro.

Ma allora, qual’è l’opzione adatta a salvaguardare lo stato psico-fisico del soggetto?

E, oltretutto, quali sono i costi da affrontare nei due casi?

Analizziamo insieme le due opzioni, ciò ci aiuterà a decidere la miglior soluzione per il nostro caso concreto.

Preferisci la badante alla casa di riposo?

Ingresso in casa di cura: possibili conseguenze.

Occorre tenere ben presente che l’entrata di un anziano all’interno della casa di riposo è dettata dal fatto che il nostro caro non è più autonomo e che i familiari sono impossibilitati all’assistenza continua dello stesso.

Un figlio che sceglie la casa di riposo sentirà, con grande probabilità, crescere nel suo animo un forte senso di colpa: paura che il proprio padre o la propria madre possa sentirsi solo e abbandonato.

Questo senso di colpa, spesso, gli si conficcherà nella testa come una corona di spine… e le spine danno tormento.

Tale evento rappresenta un cambiamento repentino e inaspettato nella vita quotidiana dell’anziano, il quale frequentemente ha il desiderio di restare a vivere a casa propria, nel suo ambiente.

Alcuni aspetti positivi della scelta soggiorno presso casa di riposo possono essere:

  1. Assistenza del personale medico-sanitario durante tutto il giorno.
  2. Tranquillità del luogo; spesso le case di riposo sono ubicate in luoghi lontani dai centri abitati in cui è possibile godere di ampi spazi verdi e privi dei rumori cittadini.
  3. Compagnia di coetanei e eventuali attività ricreative.

Alcuni aspetti negativi della scelta soggiorno casa di riposo:

  1. Stress, agitazione e grande difficoltà ad adattarsi ad un ambiente nuovo e ad una situazione diversa.
  2. Sentirsi abbandonato dai propri cari (con conseguente senso di colpa del familiare che opta per tale scelta).
  3. Servizio poco personalizzato e a volte carenza di personale interno, poche attività ricreative.
  4. Non si hanno stimoli a prendersi cura di sé, con il conseguente rischio che alcuni anziani diventino apatici col rischio di un peggioramento dello stato di salute mentale del soggetto.

Ovviamente, laddove la scelta ricada su una casa di cura, vi consigliamo di contattare e programmare una visita onde consentire di poter scegliere la struttura maggiormente rispondente alle esigenze del vostro caro.

Inserimento di una badante presso l’abitazione dell’anziano: possibili conseguenze.

La decisione di assumere una badante presso l’abitazione dell’anziano determina, nello stesso, un cambio di vita meno repentino.

Sicuramente, il soggetto affronterà con maggior serenità la mutata situazione di vita quotidiana; anche perché resta a casa sua, nel suo ambiente, nel suo habitat.

Alcuni aspetti positivi della scelta badante:

  1. L’assistito rimane presso la sua casa, mantiene le sue abitudini, i suoi spazi e le relazioni umane che vive nella sua quotidianità.
  2. Maggiore rapporto umano con la persona che si prende cura di lui.
  3. L’anziano è maggiormente stimolato a collaborare attivamente alla cura della sua persona.
  4. Non dovrete cambiare le vostre abitudini per andarlo a trovare.

Alcuni aspetti negativi della scelta badante:

  1. Non è possibile l’assistenza medica per tutta la giornata.
  2. Rischio di assumere badanti non rispondenti alle esigenze dell’anziano.
  3. Iniziali difficoltà per assumere regolarmente la badante.

Quali sono i costi indicativi per il soggiorno in una casa di riposo e quali sono i costi per una badante convivente?

Per quanto riguarda le case di riposo, le tariffe sono giornaliere e comprensive di due quote (sanitaria e alberghiera) e variano molto a seconda delle strutture e dei servizi che vengono offerti agli ospiti durante la loro permanenza.

I costi per l’inserimento dell’ospite all’interno di una casa di cura partono da circa euro 1650.

Invece, la retribuzione al netto minimo mensile di una badante convivente, per un anziano autosufficiente, è pari ed euro 867,55 livello B super.

Per un anziano non autosufficiente, la mensilità è di euro 983,32 livello C super oppure euro11214,36 più euro 171,04 indennità di funzione qualora la badante avesse un diploma scientifico.

(Per approfondimenti leggi anche : badante convivente:la guida completa per l’assunzione)

Come porsi la grande domanda: badante o casa di riposo?

Dopo l’analisi di entrambe le opzioni, vi invitiamo ad immedesimarvi nell’anziano: preferireste ricevere le cure di una persona stabile che diventi un punto di riferimento e restare nella vostra casa che è il rifugio sicuro per eccellenza, oppure ritrovarvi soggiornanti in una casa di cura accuditi da persone sempre diverse e in un luogo non familiare?

Qualora la scelta ricadesse sulla badante, noi di badacare siamo al tuo servizio per scegliere la giusta badante.

Cerchi una badante qualificata?

Lo staff di badacare.com

Meglio la Badante o la Casa di Riposo?