Centenari d’Italia, siamo tra i paesi più longevi d’Europa

centenari in italia

Centenari d’Italia, siamo tra i paesi più longevi d’Europa.

Quali sono i fattori positivi che aiutano a raggiungere questo traguardo? E noi Italiani, ne siamo orgogliosi oppure lo percepiamo con pregiudizio?

Secondo il rapporto dell’Istituto Nazionale di Statistica sono oltre 14 mila i centenari in Italia.

Il rapporto indica che i centenari in Italia sono soprattutto costituiti da donne e residenti nel Nord dello stivale come Friuli Venezia Giulia, Molise e Liguria.

 

L’Italia…uno dei paesi più longevi d’Europa

 

Come indicato dal rapporto IstatCent’anni e non sentirli”, L’incremento dei centenari in Italia negli ultimi dieci anni è aumentato del 136% e in modo costante negli anni. Al 1° gennaio 2019 i centenari in Italia sono circa 14.456, di cui l’84% sono donne.

 

La stagione più rischiosa per l’anziano è quella invernale, in cui più del 40% dei Centenari in Italia, è deceduto tra i mesi di Dicembre e Marzo.

 

Le Regioni con il maggior numero di centenari in Italia

La maggior parte dei centenari in Italia risiede nel Nord, con 338 over 105 enni viventi nel Nord-ovest, 225 nel Nord-est, 207 al Centro, 230 nel Sud e 112 nelle Isole.

Distribuzione geografica dei Centenari in Italia

 

Questi dati sono un’ottima prospettiva per il futuro anche se ciò comporta un bisogno sempre maggiore di servizi idonei e necessari per sostenere questo andamento della Società.

 E’ interessante osservare che tra i super centenari, circa l’85% vive in famiglia e il restante 15% in un istituto.

Inoltre, gli uomini hanno una maggior probabilità di raggiungere il secolo se coniugati, mentre la percentuale di anziane vedove è superiore rispetto ai vedovi uomini.

 

CURIOSITA' - I CENTENARI IN ITALIA

Perché siamo così longevi? Stili di vita  dei Centenari in Italia

La salute degli anziani è un insieme di molteplici fattori culturali, economici, sociali, ambientali, politici biologici e comportamentali. Vediamone alcuni;

Fattori comportamentali dei centenari in Italia

Il segreto dei Centenari in Italia non è stato ancora svelato, certo è che tra i fattori comportamentali, il più incisivo è la dieta mediterranea: fare un pasto con un piatto di pasta condita con olio extra vergine d’oliva, un bicchiere di vino, frutta e verdura a volontà…è sicuramente un’abitudine vincente.

Al contrario l’obesità sta diventato tra i problemi peggiori per le persone anziane, non tanto dal punto di vista della mortalità, quanto dal punto di vista del peggioramento dello stato di salute e di benessere delle persone.

Un bicchiere di vino bene, ma senza esagerare. L’alcol insieme al fumo sono fattori incisivi sulla salute dell’uomo e con l’età lo diventano sempre più, mentre un “elisir” di lunga vita è sicuramente una corretta Attività fisica.

Fattori Culturali

Le persone anziane rappresentano un importante pubblico per le attività culturali, con gusti, preferenze e comportamenti ben delineati, rispetto a gruppi di altre fasce di età.

Secondo Istat Anziani le persone che rientrano nella fascia d’età tra i 65-74 anni:

il 22,6% di loro nell’ultimo anno ha visitato un museo o una mostra, il 57,4% legge un quotidiano settimanalmente, il 96,5% di loro guarda la TV giornalmente, il 44,9% ascolta la radio abitualmente.

Commuoversi davanti a un bel film, tifare appassionatamente la propria squadra del cuore, evadere dalle proprie mura domestiche leggendo un buon libro, trascorrere una serata in compagnia facendo due salti in balera…sono attività che aiutano gli anziani ad animarsi e a vivere in modo più attivo le giornate.

Fattori Sociali dei centenari in Italia

Sempre secondo Istat Anziani  tra le persone comprese nella fascia d’età tra i 65-74 anni, l’8,5% di loro ha partecipato recentemente ad una riunione culturale/ricreativa, il 24,7% ha parlato di politica qualche volta nella settimana, il 32,2% di loro si è recato in un luogo di culto settimanalmente e il 23,7% incontra i propri amici almeno una volta alla settimana.

Una giornata di “Qualità” è il risultato tra le condizioni oggettive e le percezioni soggettive.

La Positività, la Solidità e l’intensità delle relazioni all’interno della famiglia insieme a un’armoniosa organizzazione del proprio tempo e la soddisfazione della propria vita, sono i fattori che influiscono il benessere dell’anziano.

Con l’età cresce in modo più che proporzionale la necessità di relazioni forti.

Per questo più ci si avvicina alla quota “100” più diventa fondamentale per le persone partecipare a gruppi sociali e politici, associazioni culturali, favorire la condivisione spirituale… per favorire l’equilibrio affettivo ed evitare l’isolamento.

 

Dal Dizionario… AGEISMO…

centenari in italia e l'ageismo

 

termine di origine Anglosassone, coniato nel 1969 per indicare il pregiudizio verso gli anziani.

 

 

Si tratta del tipico stereotipo sull’età, con conseguenze discriminatorie, ad esempio quando gli anziani ricevono cure di qualità inferiori in quanto reputati “vecchi”, 0ppure quando si utilizza la parola “pensionato” per indicare una persona non più in grado di fare qualcosa di utile.

Si può parlare però di “ageismo” anche, quando la Società impone di nascondere le rughe per negare la appartenenza ad un’età.”

 

<< Come porti bene i tuoi anni! >> si tratta di un complimento o di una frase ageista?

 

In fondo con questa affermazione comunemente usata, si sottintende che una persona possa apparire in forma soltanto dimostrando un’età inferiore a quella reale.

Ma che male c’è a dimostrare l’età reale? Anzi.. che male c’è ad avere una determinata età e a rivendicarla senza remore, qualunque essa sia?

L’articolo 3 della Costituzione Italiana, vieta qualsiasi forma di discriminazione basata sulle condizioni personali, tra cui appunto l’età.

Del fenomeno dell’ageismo se ne parla ancora poco, nonostante la Società tenda ad invecchiare sempre di più.

Il paradosso è che coltivando questo pregiudizio si contribuisce a condannare se stessi ad appartenere in futuro ad una categoria svantaggiata.

 

Daniela

Centenari d’Italia, siamo tra i paesi più longevi d’Europa